Museo del Modellismo Storico "Leonello Cinelli"

Cerca nel sito

Biblioteca del Museo

Da questo link è possibile accedere alla Biblioteca del Museo alla ricerca di un eventuale testo di interesse.

Saremo a...

Nessun evento

Iscrizione newsletter

Accesso Utenti

2012 - Un presepe a Belriguardo

Il Museo ha realizzato un presepe artistico con figure in grandezza naturale, esposto nella Sala della Vigna del Belriguardo.

Il Museo del Modellismo Storico in accordo con il locale assessorato alla Cultura ha realizzato un Presepe artistico con figure in grandezza naturale.
Le figure sono state realizzate in legno dipinto ispirandosi ai capolavori del Beato Tisi da Garofalo ed altri artisti coevi.
Non a caso il Presepe è stato collocato nella Sala della Vigna del Belriguardo che riporta sulle pareti anche dipinti dello stesso grande pittore ferrarese.
Il presepe inaugurato ufficialmente domenica 16 dicembre sarà visibile fino al 13 gennaio 2013 con i medesimi orari di apertura del Museo Civico di Belriguardo.

Come realizzare un presepe pressochè a grandezza naturale?
Le soluzioni studiate, come l'utilizzo della cartapesta o gesso non ci convincevano, il rischio era di creare manichini di scarso impatto. Alla fine la tecnica scelta ci è stata suggerita da chi si occupa di uniformologia rifacendosi alla favola del "Soldatino di piombo" una delle fiabe più commoventi della nostra infanzia.
I primi figurini da dipingere erano infatti i cosidetti "piatti di Norimberga" nome tratto dalla città da cui ebbero origine. Erano e sono questi figurini piccole opere d'arte non a tutto tondo ma completamente piatti, è il pittore che con la sua abilità riesce a dare profondità e corpo al pezzo.
Si decise di seguire questa strada anche se in dimensioni decisamente superiori a quelle cui normalmente siamo abituati.
I disegni sono stati riportati pertanto con colla su legno, successivamente ritagliato. In un primo tempo si era pensato all'utilizzo dei colori ad olio sempre caldi e duttili nell'utilizzo: Il lunghissimo tempo di essicazione ci ha spinto verso i colori acrilici più difficili, non consentendo ripensamenti, ma sempre brillanti e caldi.
Le figure derivano da grandi maestri della pittura da Benvenuto Tisi da Garofalo, Murillo ed altri che ci perdoneranno per questo piccolo furto.