Museo del Modellismo Storico "Leonello Cinelli"

Cerca nel sito

Biblioteca del Museo

Da questo link è possibile accedere alla Biblioteca del Museo alla ricerca di un eventuale testo di interesse.

Saremo a...

Nessun evento

Iscrizione newsletter

Accesso Utenti

MMS OFFICINA - I diari di Antolini

CT TARIGO

LUCA TARIGO FU UN NAVIGATORE GENOVESE VISSUTO NEL XIV SECOLO. DI LUI SI SA POCO O NIENTE. NON ERA UNO STINCO DI SANTO DATO CHE NELLA SUA VITA SI DEDICO' ANCHE ALLA PIRATERIA, MA QUESTO NON INTERESSA ALLA NOSTRA STORIA.
A NOI INTERESSA UNA NAVE CHE PORTA IL SUO NOME, ANZI NEMMENO QUESTA, MA UN MEMBRO DEL SUO EQUIPAGGIO: GIANCARLO ANTOLINI DA CONA NATO IL 18 SETTEMBRE DEL 1917.
QUANDO VENNE AL MONDO ERA UN MARTEDI E L'ARIA ODORAVA DA ZOLFO LA PRIMA GUERRA MONDIALE ERA NEL PIENO E CADORNA TEMEVA UNA CONTROFFENSIVA AUSTRIACA.
IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO , CHE SI CHIAMAVA PAOLO BOSELLI CON BARBA, BAFFI ED OCCHIALI A MOLLA, SI DIMISE DOPO CAPORETTO.
I GIORNALI PUBBLICIZZAVANO IL "SANAVIR", UN TOCCASANA PER GENTILUOMINI CON LA VIRILITA' IN CALO , MENTRE ASSICURAVANO CHE I BAMBINI ANDAVANO PAZZI PER IL "PROTON" CHE LI FACEVA CRESCERE SANI E FORTI PER POI ESSERE MANDATI A MORIRE IN UNA TRINCEA .
IL NOSTRO ANTOLINI PROBABILMENTE NON SENTI' GLI ECHI DEGLI SPARI. IN QUEL DI CONA GLI ORRORI DELLA GUERRA GIUNGEVANO ATTENUATI.
PER ESSERE TESTIMONE D'ORRORI CONA AVREBBE DOVUTO ASPETTARE ANCORA MOLTI ANNI.
COMPLETO' LE SCUOLE ELEMENTARI E NEL 1936 A 19 ANNI SI ARRUOLO' IN MARINA E DA LI' A POCO FU IMBARCATO SUL CACCIATORPEDINIERE "TARIGO" . RAGGIUNSE IL GRADO DI SOTTO CAPO TRASMETTITORE , CON QUESTA NAVE CHE AMAVA COME UNA BELLA RAGAZZA TROVO' LA

MORTE IL 16 APRILE 1941. AVEVA 24 ANNI. RIPETO AVEVA 24 ANNI. DI LUI NON SAPPIAMO NIENTE ALTRO, LE NOTIZIE LE ABBIAMO RICAVATE DAI DOCUMENTI CHE CI SONO STATI PORTATI DA UNA DELLE TANTE PERSONE CHE NEGLI ANNI SONO VENUTE A CONTATTO CON IL NOSTRO MUSEO.
ALCUNI ANNI ORSONO INFATTI SI PRESENTO' UN TALE CON DEI VECCHI REGISTRI COLMI D' APPUNTI, FOTOGRAFIE, RITAGLI DI GIORNALI E CON UNA SCATOLA CONTENENTE IL MODELLO D' UNA NAVE .
IL MODELLO NON VINCEREBBE MEDAGLIETTE AI CONCORSI. E'POCO PIU CHE UN PEZZO DI LEGNO INTAGLIATO CON UN COLTELLINO E TIRATO A RASPA MA GIA' A PRIMA VISTA COLPISCE, TRASMETTE EMOZIONE QUASI VOLESSE RACCONTARE UNA STORIA LONTANA IMPRIGIONATA NELLO SCAFO IN LEGNO DI PIOPPO.
IL SIGNORE CI REGALO' IL MATERIALE E SCOMPARVE DOPO AVERCI DATO QUALCHE INDICAZIONE.
ABBIAMO LETTO I DIARI . IL SOTTO CAPO DELLA REGIA MARINA SCRIVE:
"IL GIORNO 26 FEBBRAIO 1941 SONO PARTITO DA NAPOLI, DIRETTO A FERRARA PER TRASCORRERE UNA LICENZA SPECIALE DI GIORNI 15"-----
MA LE LICENZE COME SANNO TUTTI I MILITARI VOLANO.
------"IO PARTO VADO NON SO DOVE, VADO SULLA MIA NAVE, SUL MIO TARIGO, E SONO CERTO CHE NON MANCHERA' DI CONTINUARE LA SUA OPERA, IO VADO A COMPIERE IL MIO DOVERE"------
-------"IO NON SO QUANDO RITORNERO', E SE RITORNERO' OGNI MODO CONSERVATE GELOSAMENTE QUESTI REGISTRI, LA MIA NAVE IN LEGNO E LE BELLE FOTO DEL CT. TARIGO.
SOTTO CAPO (TS) ANTOLINI GIANCARLO"
TRENTATRE' GIORNI DOPO ALLE 2,20 ALL"ALTEZZA DELLE SECCHE DI KERKENNAH LUNGO LE COSTE TUNISINE IL TARIGO, DELLA REGIA MARINA, VENNE ATTACCATO DA QUATTRO UNITA' DELLA ROYAL NAVY CHE VUOL DIRE SEMPRE REGIA MARINA MA CON UN PESO DIVERSO. ANCHE QUELLE ERANO LI' PIENE D'ALTRI POVERI ANTOLINI CHE DOVEVANO FARE IL LORO DOVERE. LE CRONACHE DICONO CHE L'UNITA' SI BATTE' CON GRANDE CORAGGIO, RIUSCI' ANCHE AD AFFONDARE UNA DELLE NAVI "NEMICHE". IL COMANDANTE DE CRISTOFARO STAVA MORENDO SUL PONTE DI COMANDO CON UNA GAMBA MACIULLATA MA RIUSCIVA ANCORA A DARE ORDINI, LA NAVE ERA AVVOLTA DALLE FIAMME E LA SALA MACCHINE FUORI USO.
ALLE ORE 3 AFFONDO' PORTANDO CON SE' GRAN PARTE DELL'EQUIPAGGIO, SU 230 MEMBRI SI SALVARONO IN 36. TRA LORO NESSUNO ERA NATO A CONA.
I DIARI D' ANTOLINI SONO VISIBILI PRESSO LA BIBLIOTECA DEL MUSEO.

IL MODELLO E' QUELLO CHE VEDETE.
"STA' TRANQUILL ANTULIN CHE LA TO ROBA A TLA TGNEN DA CONT NUALTAR"