Museo del Modellismo Storico "Leonello Cinelli"

Cerca nel sito

Biblioteca del Museo

Da questo link è possibile accedere alla Biblioteca del Museo alla ricerca di un eventuale testo di interesse.

Saremo a...

Nessun evento

Iscrizione newsletter

Accesso Utenti

MMS OFFICINA - La visita a Ferrara di Papa Giovanni XXIII° "L'antipapa"

"AVANTI C'E' POSTO"

Cerchi un momento di pace prima di tornare in manicomio. La pasta che fuma nel piatto consola e da il senso della casa. Ma una faccia da fesso incravattato appare al TG. Accidenti non ho fatto in tempo a spegnere il tormento via etere. Il sadico in cerca di ascolti (scusate, audience) snocciola: piazze in fermento, economie in sfacelo, ruberie, arresti, stupri, lo stato che chiede a noi dove mettiamo i nostri soldi, mentre dovremmo essere noi a chiedere allo stato dove gli ha messi, ma non basta: rapinati che vengono arrestati perché non si sono fatti rapinare e.... due papi che si abbracciano. Come due papi, non ne bastava uno in questo tempo di crisi? No due, uno tedesco così facciamo felice la cancelliera e uno argentino come Maradona. Perche" Maradona è mej e Pelè."

Ma consoliamoci, ci fu un tempo in cui i papi in carica furono tre. Mamma mia.
Il cardinale Baldassarre Cossa o Coscia (cognome più adatto, dato il suo passatempo preferito)si pose come traguardo quello di porre fine allo scisma Avignonese. Era nativo di Procida o di Ischia, discendente di pirati era nato nel 1370, uomo più adatto alla guerra che alla preghiera, grande puttaniere, donnaiolo senza remore infilzatore di pulzelle maritate e suore. Fallito il tentativo di riunire la Chiesa il nostro Coscia non trovò di meglio che indire un concilio nel 1408 a Pisa. Ci mise del suo patrimonio per organizzare il sacro incontro, sia pure con l'appoggio di Firenze, che quando c'è da rompere le scatole in politica non manca mai, e di Luigi D'Angiò. Il concilio depose i due pontefici nominando papa Pietro Filargo da Candia col nome di Alessandro V che inevitabilmente morì dopo meno di un anno; e chi prese il suo posto...? Il nostro Cossa/Coscia che era insieme a lui quando tirò le cuoia. Salendo al soglio di Pietro assunse il nome di Giovanni XXIII. Naturalmente gli agli altri due non poteva fregar di meno della deposizione così girovagarono per la cristianità tre papi : uno Avignonese: Benedetto XIII, al secolo Pedro Martinez de Luna Y Perez de Gotor che se ne stava tra Perpignano e Peniscola da dova guardava il mare mentre palpeggiava le chiappe di qualche "chica", uno Romano, Gregorio XII, al secolo Angelo Correr veneziano senza sapore, uno dei pochi papi ad aver rinunciato al ministero Petrino e un' antipapa il Coscione nostro. Arrivò il concilio di Costanza che per strane alchimie storiche si tenne a Lodi (si proprio Lodi città di quello che aveva il bavero color zafferano ed andava a piedi fino a Milano per incontrare la bella Gigogin) il concilio non gli disse bene, tirava aria di bruciato, infatti Giovanni XXIII venne spinto all'abdicazione poi arrestato con tanti ringraziamenti di non essere stato cristianamente accoppato.
Riuscì nonostante tutto a rientrare nei ranghi. Cosimo il Vecchio che lo ospitò a Firenze tanto fece che il Papa Martino V gli tornò il titolo cardinalizio, in fondo il nostro si adoperò tutta la vita per la riunificazione della Chiesa. Cossa tornò così alla sua attività di baldracchiere per morire nel 1418. Lasciò ai posteri come ricordo la sua tomba, capolavoro di Donatello e Michelozzo posta nel Duomo di Firenze dove volle essere sepolto. La tomba che i due grandi idearono ha una forma verticale che influenzò lo stile funebre successivo e porta una incisione vagamente umoristica "quondam papa", già Papa.

Giuanon XXIII il 18 febbraio 1414 arrivò a Ferrara il visita pastorale, la popolazione disorientata non prestò grande attenzione a questo evento.
"Mo chiel stal papa , le quel bon, quel franzes che poi l'è spagnò o cl'altar.. boh dai vien a magnar, class giaza la mnestra, ucaron".
Sono passati secoli prima che riapparisse ancora un Papa con quel nome ma questa è altra storia fatta di papi buoni di lune nel cielo di carezze ai bambini di compagni ecc....
Il modello esposto è opera di Mario Guaraldi. E'storicamente perfetto ed è pervaso da una fine vena umoristica data dalle poche persone che festeggiano l'arrivo del vicario di Cristo.