Museo del Modellismo Storico "Leonello Cinelli"

Cerca nel sito

Biblioteca del Museo

Da questo link è possibile accedere alla Biblioteca del Museo alla ricerca di un eventuale testo di interesse.

Saremo a...

Nessun evento

Iscrizione newsletter

Accesso Utenti

MMS OFFICINA - “Jules Verne e della fantasia liberata”

JULES VERNE E LE SUE MACCHINE DEL FUTURO

La nonna mi portò al cinema Diana una domenica pomeriggio. Non mancava niente: sciarpa ,cappellino col pon pon, mistochina bollente, presa dalla mitica "nunina" in piazza Verdi .Era un rito che si ripeteva quando usciva un nuovo film di Walt Disney.
Quel pomeriggio non era però un cartone animato ma un vero film e con grandi attori: " Ventimila leghe sotto i mari".
Rimasi fulminato. Per mesi giocai solo "al capitano Nemo".Qualunque cosa trovassi in casa serviva per ricreare il Nautilus: cassette da frutta messe in fila, un vecchio scaldabagno, una stufa a legna in metallo e mille altre cose. Mi cavai dai piedi i pallosissimi "Ragazzi della via Pal", i terrificanti "Piccolo principe" , "Tartarino di Tarascona" e "Barone di Munchausen", il maledetto, stramaledetto, stramadettissimo "Cuore", strumenti di tortura che hanno allontanato dalla lettura intere generazioni di ragazzini. Da quel giorno solo Verne con le sue macchine straordinarie e mondi lontani: il sottomarino invincibile comandato dall'infelice Nemo, principe indiano che odiava il mondo; l'Albatros, la nave volante del geniale e collerico Robur, l'aereo/sottomarino/automobile Epouvante dello stesso Robur ,la mongolfiera che in ottanta giorni affrontò il giro del mondo, le città nascoste, i milioni della Begum, l'eroico capitano Grant ed i suoi figli, gli intrepidi esploratori del centro della terra, i primi astronauti che raggiunsero la luna in giacca cravatta e cilindro, i cercatori d'oro, l'isola misteriosa, ove trova pace e morte l'ormai anziano Nemo, i capitani di quindici anni e mille altri "viaggi straordinari". Finalmente aria fresca che sapeva di libertà con tutti i colori della fantasia, lontana da pinocchi, piccoli scrivani, piccole fiammiferaie, piccole donne, piccole donne che crescono,
Il Museo del Modellismo Storico ha voluto testimoniare il proprio affetto nei confronti di questo grande sognatore, compagno di una fanciullezza lontana realizzando tre modelli in suo onore. Il primo è la riproduzione del Nautilus nella versione Disneyana. Trattasi di un modello navigante con radiocomando che può immergersi sott'acqua, il secondo è l'Albatros, la nave volante di Robur, ricavata direttamente dalla meticolosa descrizione dell'autore, il terzo è il capitano Nemo nella straordinaria tuta subacquea con il suo fucile elettrico.
Qualcuno potrebbe dire che sono stati realizzati modelli di cose che non sono mai esistite tradendo così il termine" storico" che è nella nostra ragione sociale, ma non è vero, le cose belle che danno gioia ed emozione esistono tutte, devi solo saperle cercare e non sono lontane, sono nella nostra anima.
I modelli del Nautilus e dell'Albatros esposti sono opera di Claudio Campi. Il Nautilus è in plastica mentre l'Albatros e in legno e metallo. Il modello dell'Epouvante è ancora in corso di realizzazione. Il capitano Nemo è un modello della sterminata collezione Mongini.